inpassione.it

"It doesn't matter what you do, as soon as you do it with Passion.."

Ragnarok

​Come Dio sceso in terra vengo a sottomettere me stesso, ma la belva è incontenibile e il suo essere è per il dio inconcepibile, dio la fustiga e la vizia, le dona il bastone e la carota, ma essa se ne nutre in egual misura non preferendo mai l'una sul altra, dio la scruta ossessivamente, io onnipotente non capisco essa cos'ha nella mente, la belva come blob incorpora tutto e in essa tutto è disordinato, dio se ne compiace perché essa è origine di moltitudine, la belva rifiuta il suo creatore, distrugge tutto e di autodistrugge, Dio non l'ha mai capita e perciò ha perso la sua miglior creatura, o almeno quella più interessante.

Dai un voto:
Leggi tutto
Visualizzazioni: 998
0 Comments

Non riesco a capirne il senso.

​Entrando a passi cauti, nel regno dello sprovveduto ( il suo regno) l'uomo vide dio, in alto, in basso, l'osservo' attentamente mentre cercava di nascondersi dietro un masso per non farsi vedere, Dio era bello, era altezza, forza e possenza, Dio era veramente "fatto bene", ovviamente era uomo, perché era potente, l'uomo intimorito scrutava in quei occhi di un colore senza nome, all inizio con paura e curiosità ma più guardava più la sensazione cambiava, stette 87 anni a guardarlo, fino all' ultimo respiro che tiro, e in quei 87 anni l'unica cosa a cui arrivò è che voleva essere Dio. Dio invece aveva visto l'uomo prima che facesse il primo passo e perciò aveva deciso di mutar forma per soddisfare le aspettative di come lo immaginava l'uomo, e dopo esser mutato in codesta forma aspetto', aspetto' 87 anni che l'uomo gli rivolgesse parola, e poi l'uomo morì, Dio torno informe e continuo la sua esistenza assoluta, e nulla né venne fuori.


Dai un voto:
Leggi tutto
Visualizzazioni: 696
0 Comments

Come Prometeo sono ancora confuso

​​Udite il pensiero di chi giace nell' ombra, che semina spirali che portano agli inferi. Fedeli a se stessi sono questi soggetti, che per paura di morire divengono se stessi. E ancora più in profondo, più in basso cadranno perché non c'è fondo al proprio essere, non c'è fondo all inganno, non c'è fondo alle scoperte di cui l'anima si fa danno. Ma temete lo scoprirvi, temete il denudarvi, perché più osserverete più non capirete, e più ricercherete comprensione nella scoperta. Ma voi lo sapete che nel mondo non c'è fine, che nel pozzo non si tocca, che l'anima solidale non ha da finire e ogni suo movimento non è che l'inizio. Ogni percorso riporta alla rete, ogni pensiero non è che realtà, ogni tuo sogno è fedele profusione di ciò che in te è la tua unicità. Così che prometeo vi guarda confuso, speranzoso di certo ma alquanto confuso, "non vedi il fuoco che a te ho portato? Rischiara il sentiero, così che tu veda nel buio, su ora incamminati nella foresta, percorri la notte, compì le gesta, ora che il buio non è più limitante percorrilo per intero e scopri ciò che gli è assestante, ma sbrigati, presto che presto si spegne, e tutta la vita ho lottato per fartelo avere, suvvia che finisce, come me e te, e spero che nel frattempo tu riesca a vedere quel valore che in esso è. Nel buio io ho visto ciò che nessuno immaginava, una bellezza ostentativo che un dio chiamava tracotanza, la tracotanza di tal bellezza sta negli occhi di chi vede, perciò io vengo perché tu veda e giudichi coi tuoi occhi.


Dai un voto:
Leggi tutto
Visualizzazioni: 701
0 Comments

Ch'io deceda se recedo

​Dedico alla mia pace il caso eterno, che di caso ha solo la causalità, ecco che accavallo dinanzi a speranze azione disparate, disperate, e mi dispero perché esse disperdono il mio potere e mi ritrovo senza energie a dormire, dormire per scappare, scappare per sperare, sperare e non agire così da avere più energie e quando ormai ne ho, via che mi dispero ancora, perche in azioni disperse mi perdo, proprio stupido sono voi direte.... Ma non preoccupatevi perché guardandomi mi capirete, come un topo in un labirinto circolare non può che andar avanti io schiavo del mio io circolare non posso che tornare indietro, recedere e cedere e lasciare spazio a chi io sono, anche se non ho mai conosciuto, sperando di diventare chi sono, speranza, azione dispersa, disperazione e perdita di energia, dormire, ricaricarsi e ripartire in questa mia follia.

Dai un voto:
Leggi tutto
Visualizzazioni: 546
0 Comments

Mr. Ordine

​Ti amo come delitto, perché l'amore è parte del successo, dell' onore di essere se stesso, e mi corroboro nell' incomprensione della mia individuazione, perché se tu sei specchio di me stesso è evidente che ancora non ho la minima idea di chi io sia e di che personaggio io stia recitando la parte. So che quando vengo sto bene, vorrei che la vita fosse un eterno momento misto tra eccitazione pre orgasmica e orgasmo, all infinito, perché l'assenza di senso e la perdita di controllo quando racchiuse nel piacere possono togliere la necessità di dare valore e trovare senso. La depressione è invece quella fottuta ricerca di senso che fotte le sinapsi che vagano nel reame dell' insensato, cercando di costruire ordine e cercare senso nel caos, io sono l'ordinato uomo del caos.

Dai un voto:
Leggi tutto
Visualizzazioni: 2336
0 Comments