inpassione.it

"It doesn't matter what you do, as soon as you do it with Passion.."

Non so chiedere aiuto--LETTERA--Goodbye

Sono già troppe notti, che ti sogno entrare dalla porta

Ma quando apro gli occhi, non ti trovo qui tra le
lenzuola
E le rose che mi hai dato, sono appassite
Parte di te sta sparendo ormai
E continuo a chiedermi

Perché ti comporti così con me?
(Non so chiedere aiuto, se mi baci ti uccido)
Non vedi che, sono dalla tua parte?
(Se dici te lo giuro, comunque non mi fido)
Dimmi perché, hai preso le distanze?
(Mi sento più sicuro, quando non ti ho vicino)
Non vedi che tra noi si sta costruendo un muro?
(Ti chiedo scusa, lo giuro)

Sirius arrivo alla base del suo gruppo con la mente in subbuglio e i pensieri in disordine, nelle ultime ore aveva visto cose che avevano rotto il suo pragmatismo e la sue mente basata sulla sola logica e ora davanti a se aveva una scelta che non riusciva a capire, sapeva solo una cosa in quel momento..gli serviva il supporto di Laura cosi da decidere cosa fare. Sirius entro nella struttura e cerco Laura ma questa non c'era e nessuno sapeva dove fosse, decise di andare a vedere vicino alla sua scrivania ma qui non la trovo, ma trovo una lettera che era indirizzata a lui. Sirius la prese e rimase immobile per qualche secondo ad osservarla e a pensare a cosa avrebbe letto, riusci a farsi coraggio e la apri e incomincio a leggerla.

"Caro Sirius...ti chiederai il significato di questa lettera...ti chiederai perché ti ho scritto nonostante io detesti farlo invece di parlarti direttamente e spiegarti le cose come stanno e cosa provo in questo momento...il fatto è che non riuscivo a parlarti perché i miei sentimenti per te sono troppo forti e quindi dirti queste queste cose direttamente a te sarebbe stato impossibile quindi te lo dico adesso. Me ne vado Sirius, me ne vado via il più lontano possibile da questo posto e soprattutto da te. Ricordo ancora la prima volta che ci parlammo, ero affascinata dalla tua visione della vita, dai tuoi pensieri e dalla tua persona e pensavo di provare qualcosa per te e pensavo che anche tu almeno un po tu tenessi a me...ma mi sbagliavo,tu non hai mai tenuto a me anche se per te provavo e prova ancora delle forti emozioni.Eri sempre freddo e poche volte mi trattavi con affetto e amore, mentre io provavo per te un sentimento che non riesco nemmeno a descrivere, mi illudevo che fosse solo stress del lavoro e che sarebbe passato, ma ho capito che non sarebbe mai successo e che tu non mi avresti mai visto come ti vedo e che il mio sentimento non sarebbe stato totalmente corrisposto.Tu non mi amavi...amavi solo il modo in cui ti facevo sentire, il supporto che ti davo e il nostro stare insieme era solo un tuo modo per sentirti meglio con te stesso. Io ti amo ancora ma stare con te è diventato impossibile...Dirti addio è terribile ma amarti è anche peggio. Addio Sirius

Laura"

Sirius poso la lettera sulla scrivania stette per qualche istante immobile senza dire o fare niente,ma dopo di che gli scese una lacrima e si senti vuoto,privato di ogni cosa, penso a Laura...a tutti i momenti insieme...a come lui stesse bene con lei...a quante volte non l'aveva trattata come meritava...a quante volte l'aveva data per scontata. Provo qualcosa che non aveva mai provato e penso "Allora è vero che si capisce l'importanza di ciò che si ha solo quando si perde". Riprese la lettera dalla scrivania e se ne andò nell'atrio. Nell'atrio c'era un piccolo fuoco, Sirius si avvicino ad esso e lancio dentro di esso la lettera dicendo sotto voce "Addio Laura". Torno alla sua scrivania e si sedette per riflette ciò che avrebbe dovuto fare, si era sempre sentito incompleto ma mai come ora, capii che questo suo modo di essere aveva ferito non solo lui ma anche Laura. Cosi prese una decisione, si sarebbe riunito con Corvo e Anna per tornare ad essere completo.

won't forget the way you made me feel
I won't regret running away from here

You think you see the world but you see nothing
You think you see the world but you see nothing
Time is only gonna make it worse in the end
So I say goodbye again

Don't hit me with your fears
I don't fit with your ideas
You missed what I'm about
I earned my way out
And in the end
I say goodbye again

I won't forget
The way you made me feel
I won't regret
Running away from here

I won't forget
The way you made me feel
I won't regret
So I say goodbye again

Dai un voto:
Leggi tutto
Visualizzazioni: 135
0 Comments

No angel--RISPOSTA--Perfect duet

Did you ever really love her?

Or was it that you feared letting go?
You should have known that you could trust her
But you pretend like I don't know

I ain't no angel, I never was
But I never hurt you, It's not my fault
You see those eggshells, they're broken now
A million pieces strewn out across the ground

I want to tell you that I'm sorry
But that's not for me to say
You can have my heart, my soul, my body
If you can promise not to go away

Non pensavo che la tua morte potesse turbarmi cosi tanto,infondo sono stata via per molto tempo e sono stata io a metterti alla prova più volte, ma quando tu scomparisti qualcosa dentro di me mori con te,dopo che tutti coloro che ti dissero addio sparirono io volevo solo scappare,scappare da questa maledetta città...scappare dalla tua morte...scappare da me stessa.Scappai in una città non troppo distante da qui,si chiama Meridian e qui cercai di rifarmi una vita cercando di dimenticare ciò che era successo,cercai di vivere una vita tranquilla lontana dal mio passato.Per un periodo ci sono anche riuscita..ma mancava sempre qualcosa sempre qualcosa che non riuscivo a concepire.Passavo notti insonni alla ricerca di risposte...ma non le trovavo mai.Ma un giorno venni a sapere che Clara,la mia amata, era nella mia stessa città,mentre ero in una libreria la vidi da lontano,era lì..esattamente come me la ricordavo,quella bellezza che mi aveva già accecata un tempo ripiombo nei miei pensieri insieme a tutti i ricordi che condivisi con lei.Una notte mentre guardavo il soffitto nel buio mi venne in mente una domanda che lei mi fece,,,ma che alla quale non seppi rispondere "Ma tu mi ami davvero?",una domanda cosi semplice e banale che qualunque persona avrebbe potuto rispondere d'impulso...ma che riusci a paralizzarmi,dopo aver visto il mio stato lei mi bacio e non riaprimmo più l'argomento.Ma in quel buio e quel silenzio surreale,chiudendo gli occhi e concentrandomi riusci a trovare una risposta a quel quesito,una risposta che mi fece scendere una lacrima.Non sapevo come ritrovarla,non sapevo nemmeno da dove cominciare,cosi mi dissi che sarebbe stato "il destino" a farci incontrare,ne ero sicura più di qualunque altra cosa.E cosi successe,una sera ad una festa in maschera,non sapevo fosse li...ma una parte di me ne era quasi sicura.Mentre ero in un angolo cercandola con lo sguardo...la vidi mentre si toglieva la maschera per una attimo,era giunto finalmente quel momento che aspettavo da cosi tanto,mi misi la maschera e la raggiunsi,La invitai a ballare ponendole la mano e lei accetto,ballammo per un po senza dire niente,ma poi mi fermai e le tolsi la maschera e poi me la tolsi io,lei rimase per qualche secondo senza parole ma poi disse -Anna..sei tu.-ma la fermai mettendole un dito sulle labbra -Ciao Clara si sono io e scusa per il ritardo,ma sono qui per risponderti alla domanda che mi facesti tanto tempo fa,NO..non ti amo davvero..pensavo di amarti ma non era vero,vedevo in te la vita che volevo,vedevo in te ciò che volevo..ma vivevo solo in un sogno,mi dispiace Clara ma non ti amo e devo dirti addio per sempre...non piangere per me-Le tolsi il dito dalle labbra cercando di trattenere le lacrime, dopo di che me ne andai mentre Clara urlava il mio nome.Pensavo che Tutto fosse finito,finalmente riuscivo di nuovo a dormire,ma dopo qualche giorno incomincia a fare strani sogni,di questa città e di un ragazzo che poi ho scoperto essere Sirius,cosi presi la spada e venni qui.Raggiunsi la città mentre la squadra di Sirius faceva l'ultima pulizia,lo riconobbi e cercai di seguirlo ma riusci a vedermi,ma il contatto con me lo fece svenire cosi riusci a nascondermi e a continuare a seguirlo per assicurarmi fosse lui..e avevo ragione. -Poi io e Sirius ci siamo incontrati e siamo arrivati fino a qui-Concluse Anna.Corvo la guardo per qualche secondo e poi sorrise e le disse -Grazie Anna- anche lei sorrise e porto la sua mano alla guancia di Corvo e disse -Dai andiamo Sirius ci stara aspettando-.

Baby, I'm dancing in the dark with you between my arms
Barefoot on the grass, listening to our favorite song
When you said you looked a mess, I whispered underneath my breath
But you heard it, darling, you look perfect tonight

Well I found a woman, stronger than anyone I know
She shares my dreams, I hope that someday I'll share her home
I found a love, to carry more than just my secrets
To carry love, to carry children of our own
We are still kids, but we're so in love
Fighting against all odds
I know we'll be alright this time
Darling, just hold my hand
Be my girl, I'll be your girl
I see my future in your eyes

Dai un voto:
Leggi tutto
Visualizzazioni: 182
0 Comments

Un domani--INSIEME--La bella e la bestia

Sembrava tutto sbagliato, di noi che rimarrà?

Questo è il pensiero che ogni giorno mi uccide

Tutto è successo per caso, pura casualità

Tutte le cose prima o dopo hanno una fine

Col passare del tempo ho imparato a pensare più a me

A prendermi quello che voglio, la vita che sogno

Dipingo il tuo volto su un foglio

È tutto quello di cui ho bisogno

Ci sono cose che non dimenticherai mai

Tu ricordati le mie parole

Mi dispiace dirti che ormai abbiamo esaurito

Tutto il tempo a disposizione

Mi spiace ma un domani non ci sarà

Un po' come le storie su Instagram

Con te soltanto tempo che se ne va

Che se ne va

E dovevamo chiudere il mondo fuori

Ci siamo tatuati, abbiamo fatto errori

Con te soltanto tempo che se ne va

Che se ne va, che non torna più

Mi risvegliai nello stesso punto dove poco prima avevo esalato il mio ultimo respiro,non avevo più questa tunica ma ero vestito con una felpa e dei jeans strappati,era mattina,una mattina abbastanza soleggiata e tranquilla dove si sentivano solo il cinguettio degli uccelli e il fruscio delle foglie provocato dal vento.Ero parecchio spaesato e confuso,mi alzai in piedi e mi toccai il petto in cerca della ferita che mi aveva ucciso,ma non c'era.Mi guardai attorno e quel parco era tornato alla gioa di un tempo...prima che venisse corrotto.Quel surreale silenzio venne pero interrotto da una voce molto familiare-Amore finalmente ti sei svegliato-mi girai di scatto e la vidi...era Martina.rimasi impietrito per qualche istante,ma poi la guardai negli occhi e mi torno il sorriso,lei lo ricambio e mi prese per mano e mi disse -Dai amore andiamo a farci un giro- e io acconsenti.Girammo insieme per la città facendo cose mondane e semplici,la città era pulita e tranquilla e la gente era cordiale.Dopo un po andammo a casa nostra,"il nido del corvo" come mi piace chiamarla,era pulita e in ordine e si respirava una fragranza che mi riempiva di ricordi,lei si sedette sul divano ed io la raggiunsi,la guardai negli occhi e lei dopo qualche secondo mi sorrise,mi avvicinai a lei e le dissi -Ti amo-.Passammo bei giorni insieme,a vivere una vita normale e tranquilla,ero veramente felice...come non lo ero da tempo,ma ad un certo punto incomincia a sentire un vuoto dentro di me,una sensazione di smarrimento che sapevo da cosa era provocata.Cercai di ignorarla ma un giorno ho sentito un richiamo verso questo parco venni qui e vidi la spada che si stava formando nel punto in cui mi ero risvegliato.Era giunta l'ora di andare e lasciare quel luogo perfetto,Andai da Martina e mi sedetti accanto a lei,le presi la mano e la guardai negli occhi-Amore mio è arrivato il momento di dirci addio,ti amo..ti amo davvero ma ora devo andare,voglio dirti che il tempo trascorso con te è stato il più bello della mia vita e che il mio amore per te è stato il più potente che abbia mai provato,ma ora devo andare avanti e dirti addio...ti amo Martina-lei mi guardo con le lacrime e mi disse-Ti prego Corvo non lasciarmi da sola..-e io con un sorriso malinconico le risposi -Non sarai da sola- e premetti la mano sul mio petto ed estrassi una sfera bianca che emanava una luce fioca,persi espressività e i miei occhi divennero completamente neri,le diedi la sfera e le dissi-Quelle sono gli echi delle emozioni provate,e riguardano anche il mio amore per te- lei le prese e mi bacio,quel bacio mi fece scendere una lacrima che mi rigo il volto.Usci dalla casa e andai al parco dove la spada era completamente formata,mi avvicinai ad essa e la estrassi. -Ed ora sono qui con voi-concluse Corvo,al che anna gli domando-Perché hai deciso di abbandonare quella vita?- -inanzi tutto dovevo ricongiungermi a a te e a Sirius,non volevo che Martina amasse una sola parte di me,e poi ho ancora molte cose da fare in questo mondo,devo ancora realizzare il mio sogno...e tu Anna che hai fatto?-

Giuro con te avevo l'impressione che

Fossi scesa dal cielo sì, solo per me

Per salvare me da questo inferno, sì

Questo freddo inverno, questo freddo posto qui

Non so se puoi capirmi perché dicono

Che il destino te lo crei non te lo scrivono

Ma avevo l'impressione fossi un angelo

Mentre gli amici miei morivano

Quando so che non si può cambiare il mondo mio

Quando credi che per te l'abbia mandata Dio

Niente possa salvarti al mondo tranne lei

Proveresti a tenerla vicino a te

Sì ma non me

Non me, sì tutti quanti

Non me, non me

Non me, non me

Sì tutti quanti

Non me, non me

Proverebbero a tenerti tutti

Non me

Dai un voto:
Leggi tutto
Visualizzazioni: 194
0 Comments

Riunione

Corvo estrasse la spada dal terreno e incomincio a studiarla non curante di Srius e Anna che lo scrutavano con gli occhi spalancati senza riuscire a capire ciò che era successo ,Anna si giro verso Sirius e gli disse con tono confuso e spaurito-Ma come hai fatto?Perché hai fatto tutto ciò?Come lo sapevi?-Sirius con lo sguardo dritto dinanzi a se le disse con tono altrettanto confuso -Ero guidato da una forza che non riuscivo a comprendere ma che sentivo familiare come una parte di me-detto ciò ripresero entrambi a guardare Corvo e notarono che i suoi occhi erano completamente neri e il suo volto privo di qualsiasi emozione.Corvo ripose la spada e dietro la schiena e si accorse dei due che lo stavano scrutando, al che si avvicino a loro e con tono asettico disse -Anna...Sirius non ci vedevamo da molto tempo,soprattutto con te Sirius,grazie per avermi riportato in questo mondo- Corvo accenno ad un sorriso ma che sembrava molto forzato. Anna lo guardo per qualche istante e disse con la voce rotta -Corvo sei veramente...-non riusci nemmeno a finire la frase che scoppio in lacrime e andò ad abbracciarlo,la stretta di Anna fece cambiare espressione a Corvo trasformando quel sorriso forzato in un espressione di sincera felicita,facendo cambiare anche il suo tono che divenne rincuorante -Si sono io Anna non piangere- Anna lo guardo con le lacrime agli occhi e gli sorrise. Appena si stacco da lui l'espressione di Corvo torno asettica, al che Sirius si avvicino a lui e gli pose la mano e Corvo la strinse, la sua espressione cambio in un accenno di un sorriso simile a quello di Sirius, lui prima guardo Corvo poi Anna e disse -penso di aver capito,tu adesso non puoi provare emozioni e ragionare logicamente ma se entri a contatto con noi puoi nuovamente fare ciò- Corvo lo guardo e puntandogli un dito -La tua intuizione è giusta non a caso sei tu la parte logica dei tre-.Corvo gli lascio la mano abbandonando l'espressione che poco prima li accomunava,al che Anna domando-ma perché adesso non riesci a provare autonomamente queste emozioni?Come facevi prima a provarle nonostante la nostra mancanza?- Corvo si passa una mano fra i capelli e dice-Vedete quando ci siamo separati dentro di me è rimasto un eco di ciò che siete permettendomi di provare ciò che adesso provo solo grazie a voi,quest'eco è sparito,diciamo che l'ho lasciato indietro-.I tre si guardano tra di loro per qualche momento in silenzio non sapendo cosa fare,finché Corvo non ruppe il silenzio chiedendo-Chi è stato dei due a portarmi qui?- e Sirius disse che era stato lui ma senza sapere cosa lo guidasse,Corvo chiuse gli occhi scavando nella sua mente -Datemi entrambi la mano-disse Corvo porgendo entrambe le braccia verso di loro,entrambi presero le sue mani e una volta fatto incominciarono a tremare e a sentire voci nelle loro teste,quella forza era cosi forte che dovettero separarsi.Erano tutti e tre visibilmente confusi ma Corvo riusci a riprendersi per primo e arrivo ad una conclusione -Penso che tu sia stato guidato da un'istinto comune a noi tre,siete arrivati qui ed entrando a contatto con il luogo della mia morte e con l'arma che mi ha ucciso, un'istinto si è addentrato dentro di te e hai fatto ciò per riportarmi in vita ,forse sei stato dal mio inconscio ma non ne sono sicuro,sono solo mie supposizioni-.Dopo aver ascoltato ciò Sirius chiese ad entrambi -E ora che facciamo?-Corvo si tocco il petto e prese la sua collana dello ying e yang e chiuse gli occhi stringendola fra la mani,apri improvvisamente gli occhi e disse -possiamo riunirci,è un'idea folle ma possiamo provarci,voi siete d'accordo?-.Anna accettò all'istante ma Sirius era alquanto dubbioso -Sentite ci devo pensare passate fra due ore alla scuola abbandonata qui dietro,la usiamo come centro operativo-i due acconsentirono e Sirius s'incammino verso la struttura. Anna prese per mano Corvo e chiese -Quindi Corvo cosa si prova a morire?- -è come tornare a casa...-

2 ore dopo

Corvo e Anna entrarono nella scuola e andarono da Sirius -Allora hai deciso-Gli chiese Anna -Si penso di aver finalmente capito,voglio riunirmi a voi per sentirmi finalmente completo,per aspettatemi fuori per un attimo devo parlare alla mia squadra,i due acconsentirono e uscirono. Sirius si raduno la squadra e disse-Signori è stato un piacere collaborare con voi,siete stata una squadra formidabile,spero per voi un futuro radioso,ma adesso devo andare,affido il comando a David sono conscio che farete un ottimo lavoro...se vedete Laura ditele che mi dispiace-la squadra applaudi a Sirius e gli disse addio,Sirius usci dalla porta ma prima di farlo si giro verso la squadra e disse-Ripulite questo mondo-.Sirius raggiunge Corvo e Anna ed i tre si incamminano verso i confini della città.una volta raggiunto il confine si mettono in cerchio e Corvo prende la collana mettendola al centro -Siete pronti?- entrambi annuirono e toccarono la collana chiudendo gli occhi,anche Corvo mise la mano sulla collana,una luce travolge l'intera area,ma una volta affievolita si stagliava un'uomo con i capelli leggermente lunghi e neri con un capotto lungo.Si mette la collana alza lo sguardo al cielo e guarda la luna,allunga il braccio verso di essa e chiude la mano. 

Dai un voto:
Leggi tutto
Visualizzazioni: 256
0 Comments

Rinascita

​​Una serie d'immagini,suoni e sensazioni travolsero la mente di Anna e di Sirius, ricordi di un tempo dove loro due vivevano insieme a Corvo come un'unica entità,dove passione e razionalità vivevano in equilibrio, un tempo passato che avevano dimenticato del quale rimanevano solo schegge di ricordi nascoste nel subconscio. Sirius e Anna apro gli occhi nello stesso momento e si scambiano uno sguardo impaurito ma dopo qualche secondo Anna fa cadere la spada e i due si abbracciano come due amici che non si vedevano da anni, ormai consci del loro passato più remoto. Dopo di che Anna recupera la spada e se la rimette dietro le spalle ed entrambi escono dalla casa. Una volta per strada Anna ruppe il silenzio che regnava da da un po di tempo -Sirus devi sapere che in realtà io già sapevo in parte il mio passato con Corvo,un entità mi fece ricordare in parte ciò che ero prima,ma di te prima di questo non mi ricordavo e penso nemmeno Corvo- al che Sirius le domando -Ma come è morto Corvo?- Anna al che guardo verso la fine della strada e con tono malinconico disse -è morto affrontando un'entità che voleva metterlo alla prova,un'entità che lo perseguitava da molto tempo,la stessa che mi ha ridato parte dei ricordi,ma Corvo riusci a combattere e vincere, ma questa vittoria gli costo la vita,fu proprio questa spada ad uccidere entrambi -Sirus abbasso lo sguardo e mettendo una mano sulla spalla di Anna disse -Mi puoi portare dov'è morto?- Anna acconsenti e s'incamminarono verso quel luogo. Arrivati li Anna lo porto nel punto in cui Corvo era morto,dove c'erano ancora traccie di sangue secco -Che fine ha fatto il corpo?- -è semplicemente sparito,appena il sole è sorto non sono riuscita più a vedere nulla e una volta che che riusci di nuovo a vedere era sparito- ma Sirius non stava più ascoltando e Anna una volta capito ciò gli chiese se andasse tutto bene ma Sirius era guidato da una sensazione che non riusciva a capire ma che non poteva fare a meno di seguire -Anna dammi la spada- Anna dopo qualche secondo di straniamento gli da la spada,Sirius la prende e la conficca nel terreno dove c'era ancora il sangue di Corvo,dopo di che tira fuori un coltello e si abbassa toccando un attimo quel sangue,dopo qualche secondo Sirius guarda Anna e le dice -Ti fidi di me- e Anna annuisce con la testa. Sirius si fa un taglio sulla mano e sparge il sangue alla base della spada e passa il coltello ad Anna che con iniziale esitazione acconsente e fa lo stesso. I due si allontanano dalla spada e si alza una nebbia oscurando ad entrambi la visione.La nebbia si dirada ed una figura estrae la spada dal terreno.Un ragazzo con i capelli neri vestito con una tunica nera appare.

Dai un voto:
Leggi tutto
Visualizzazioni: 235
0 Comments